‘Ferrara Film corto 2020’, terza edizione dedicata alla difesa dell’ambiente

Al via martedì 28 gennaio la 3^ edizione del FERRARA FILM CORTO, Festival Nazionale di cortometraggi organizzato dalla Ferrara Film Commission – insieme a Cineclub Fedic e Ascom Confcommercio Ferrara – che si terrà dal 28 gennaio al 1 febbraio 2020 dalle ore 16.00 alle 19.00 e dalle 21.00 alle 23.30 presso la Sala Estense (piazza Municipale di Ferrara).
Ferrara Film Commission ha preso a cuore la questione del Cambiamento Climatico e ha deciso di intitolare questa edizione del Festival #CLIMATECHANGE, ritenendo necessario stimolare, attraverso il linguaggio cinematografico, la discussione e gli interventi concreti della popolazione, dei giovani in particolare, delle istituzioni e della politica su questo tema
Il Festival si svolgerà, sotto la direzione artistica del critico e storico del cinema Paolo Micalizzi.
Cinque le giornate dedicate ai cortometraggi ammessi al concorso, al grande cinema a tema ambientale e a importanti ospiti sensibili alla tematica del Festival, ma anche tese a sottolineare alcune collaborazioni nel campo della cultura cinematografica e a porgere omaggio ad alcune personalità importanti del cinema italiano.
Diciassette le opere ammesse in concorso – selezionate da una Commissione formata da Soci della Ferrara Film Commission: Paolo Micalizzi (Presidente), Mattia Bricalli, Stefano Duo, Eugenio Squarcia e Barbara Vincenzi – che mettono in evidenza argomenti relativi ad ambiente e cambiamento climatico, rapporto uomo- ambiente, raccolta differenziata dei rifiuti, l’ambiente dopo una possibile estinzione della specie umana, rapporto tra passato e futuro dell’umanità.
A giudicarle e assegnare i premi sarà una Giuria di esperti presieduta dal regista Franco Piavoli e composta da Gaetano Capizzi, Direttore del Festival CinemAmbiente di Torino, dallo scenografo ferrarese Lorenzo Cutuli, dall’attrice e regista Karin Proia e dall’attore e produttore Raffaele Buranelli.
Dopo la proiezione di ogni ciclo di opere in Concorso avrà luogo un Incontro con gli Autori coordinato da Cesare Bastelli, regista e rinomato direttore della fotografia che annovera importanti collaborazioni con Pupi Avati, e da Giorgio Ricci, filmmaker storico, già presidente nazionale della Fedic (Federazione Nazionale dei Cineclub).
Il Festival si articolerà in due momenti che si svolgeranno alla Sala Estense.
Nei giorni 28 e 29 gennaio avrà luogo “Aspettando il Festival” dedicato soprattutto a proiezioni ed eventi relativi al cambiamento climatico. In questo contesto è prevista anche la proiezione di un film all’Apollo Cinepark. Continuando la collaborazione con il Roma Film Corto, il suo Direttore Roberto Petrocchi proporrà martedì 28 gennaio (ore 18) la proiezione di 4 cortometraggi presentati al Festival romano del 2019: 2 sul tema del cambiamento climatico e 2 tra i vincitori del Festival.
Mercoledì 29 gennaio (ore 16) alla Sala Estense avrà luogo una Conversazione-dialogo sul tema del cambiamento climatico tra Stefano Mazzotti, Direttore del Museo di Storia Naturale di Ferrara, il biologo marino Luca Marini e Raffaele Bruschi, attivista del movimento studentesco Friday for Future.
Giovedì 30 gennaio prenderà l’avvio il Concorso Ferrara Film Corto che si svolgerà, contestualmente ad altri eventi culturali, fino a sabato 1 febbraio. Oltre alle 17 opere in Concorso avrà luogo la proiezione di opere fuori concorso: 2 di Aqua Aura presentate da Raffaele Piseddu, 6 cortometraggi di “CinemAmbiente 2019” introdotti dal suo Direttore Artistico Gaetano Capizzi e 2 cortometraggi realizzati da 2 allievi della Scuola IULM di Milano, coordinati dal regista Mauro Conciatori.
Omaggio del Ferrara Film Corto al suo Presidente di Giuria Franco Piavoli, singolare figura di filmaker indipendente che realizza e produce da solo i suoi film e persegue un’idea di cinema lirico-sinfonico in cui le immagini costituiscono una sorta di partitura audiovisiva dal forte impatto emozionale. Saranno proiettati 3 sue opere del periodo che lo hanno lanciato verso una dimensione internazionale cinematografica.
Omaggio anche all’attrice, scomparsa nel luglio 2019, Ilaria Occhini, molto nota a teatro e in televisione ma anche come interprete di film recenti, attraverso un docu-film dal titolo “L’intelligenza del cuore. Ilaria Occhini” – realizzato e presentato dal regista Mauro Conciatori – che vede la presenza della figlia dell’attrice Alexandra e del marito, notissimo scrittore, Raffaele La Capria e la partecipazione di Agnese Nano.
Nella mattinata di sabato 1 febbraio si svolgerà, al Circolo dei Negozianti, una Tavola rotonda sul tema “Essere filmmaker” con la partecipazione anche della Fedic Nazionale. Sarà un’occasione per stimolare i filmmaker ferraresi a realizzare nuove opere e a conoscere la collaborazione che la Ferrara Film Commission potrà loro dare.
Il Festival si concluderà Sabato 1 febbraio (ore 21) alla Sala Estense, con una serata che sarà presentata dall’attore ferrarese Stefano Duo e dall’attrice-regista Karin Proia, madrina del Festival. in cui avrà luogo la Cerimonia di premiazione del Ferrara Film Corto 2020. A chiusura della serata, saarà proiettato, in anteprima per Ferrara, il film “Una gita a Roma” di Karin Proia, attrice e regista sia teatrale che cinematografica, che è tra i protagonisti della serie cult “Boris”. Il film, che racconta una Roma vista da due bambini, è del 2017 ed è il primo lungometraggio realizzato dalla regista. Il film costituisce un’impresa di famiglia perché è sceneggiato insieme al marito Raffaele Buranelli, produttore e attore, e vede tra gli interpreti, oltre alla coppia, anche la loro figlia Tea. Nel cast due volti molto noti dello schermo: Philippe Leroy e Claudia Cardinale.